Granna e Kalmar – Due singolari località svedesi



Granna e Kalmar – Perché la scelta di questa due località ?!


Non si può affermare di aver “fatto un viaggio in Svezia” visitando solamente Stoccolma, non è corretto. Per conoscere meglio questo singolare Paese é necessario spostarsi almeno un po’ sul suo territorio. Granna e Kalmar possono essere due località adatte allo scopo.

Certamente quindici giorni non sono molti, ma sono stati comunque sufficienti, in questo viaggio, per visitare Goteborg, la seconda città svedese dopo Stoccolma,  per spostarsi lungo la costa meridionale e raggiungere i tipici villaggi di pescatori come Fjallbacka e per aver dedicato almeno quattro giorni alla bellissima capitale Stoccolma anche navigando sul lago Malaren e all’interno dello splendido  arcipelago.

Poi, semplicemente guidando, spesso in quasi totale assenza di traffico, è stato possibile ammirare stupende foreste punteggiate qua e là da laghi azzurri che spesso, con la loro bellezza, ti obbligano a piccole soste permettendoti così di  respirare sempre di più questa singolare atmosfera scandinava.

Granna e Kalmar. Lago nella pianura svedese con sosta attrezzata per pic.nic, circondato da stupende foreste.

Tutto contribuisce a conoscere e capire meglio  questo territorio, anche le semplici soste alle stazioni di servizio nelle campagne, sempre  rigorosamente in legno, ben curate, con piccoli ma accoglienti giardini e personale sempre gentile e disponibile.

Granna e Kalmar. Tipica stazione di servizio completamente in legno.
Stazione di Servizio

Perché Granna e Kalmar?


Qualche pernottamento in località all’’interno del Paese, pur tuttavia, é indispensabile per approfondire, avendo maggior tempo a disposizione, alcuni aspetti che altrimenti ci sfuggirebbero.  Per cui, in questo viaggio, pernotteremo in due piccole cittadine: Granna situata sulla riva sud orientale del grande lago Vattern e Kalmar affacciata sul Mar Baltico davanti all’Isola di Oland nella parte centro meridionale della Svezia. Particolarmente interessanti per alcune loro particolarità, sono anche strategicamente ben posizionate trovandosi sull’itinerario di ritorno da Stoccolma a Malmo.

Granna e KalmarCome raggiungerle da Stoccolma

Da Stoccolma si percorre la E4 passando in successione Nykoping, Norrkoping, Linkoping puntando poi direttamente su Granna. L’itinerario, che è lungo circa 300 km, richiede in auto un tempo approssimativo di 4/5 ore.

Granna e Kalmar. Mappa della zona compresa tra Stoccolma e Granna e Kalmar.

Da Granna a Kalmar, si percorre ancora la E4 fino a Jonkoping e poi si punta verso l’interno in direzione Kalmar, attraversando un territorio ricco di bellissimi laghi circondati da stupende foreste. L’itinerario, che è lungo circa 200 km, richiede in auto un tempo di 2/3 ore.


Video con Commento Audio



Granna


Granna è un paese della Svezia, con 2.553 abitanti, che si trova su una sponda del lago Vattern, proprio davanti all’isola Visingsò, collegata a questa da un ottimo servizio di traghetti fino a tarda sera.


Il paese è divenuto famoso in tutto il mondo, per i suoi Polkagris, i tradizionali bastoncini di zucchero bianco e rosso aromatizzati alla menta (spesso ricurvi per essere appesi all’albero di Natale), che furono inventati proprio qui nel 1859 da Amalia Eriksson.

Granna e Kalmar. Negozio di polkagris.
Negozio di Polkagris

I Polkagris


Il nome “polkagris” si riferisce a una vivace danza vorticosa slava denominata polka. Questa danza era ancora una novità ai tempi dell’invenzione dei polkagris. Nata a metà del XIX secolo è ancora un genere comune nella danza e nella musica popolare svedese. La caramella consiste in pasta di zucchero che viene bollita, impastata su una tavola di marmo, tirata e attorcigliata a mano delle dimensioni giuste. Le caramelle contengono menta piperita, zucchero, acqua e una piccolissima quantità di aceto. Si possono acquistare in circa 20 negozi in città.

Storia dei Polkagris

“Polka”, nel nome della caramella, si riferisce al modo in cui viene prodotto il tradizionale polkagris, torcendo i nastri di pasta di zucchero rosso e bianco. I colori rosso e bianco collegano la sua etimologia direttamente alla Polonia; il rosso e il bianco sono i colori nazionali della Polonia .

L’ideatrice di questo tipo di caramelle, Amalia Eriksson, era una povera vedova di 35 anni che aveva bisogno di sostenere la sua famiglia dopo la morte del marito. Riuscì ad ottenere il permesso dal consiglio comunale di aprire una panetteria per fare dolci e scogli di menta piperita. Aprì quindi  un negozio a Gränna e mantenne segreta la sua ricetta fino alla morte.

Granna e Kalmar. Lavorazione a mano dei Polkagris.
Lavorazione a mano dei Polkagris

Le caramelle sono disponibili in una varietà di forme, dimensioni e colori, ma i bastoncini aromatizzati alla menta rossa e bianca rimangono i classici polkagris originali, per i quali il villaggio riceve ogni anno centinaia di migliaia di visitatori.

Granna e Kalmar. Varietà di Polkagris.
Varietà di Polkagris

Cosa vedere a Granna

Granna non ha rilevanze artistiche o architettoniche. Ha però una sua importanza storica per ciò che riguarda i voli in mongolfiera. Il paese è noto in tutta la Svezia come il più grande centro di voli in mongolfiera. Questa tradizione é legata all’esploratore locale Salomon-Auguste Andree, al quale è dedicato il museo che merita sicuramente  una visita.

Pur in assenza di rilevanze storiche e architettoniche, sarà comunque particolarmente piacevole visitare Granna, passeggiare nel paese lungo la via principale, sulla collina che domina il paese per poi spingersi lentamente fino al porto dove troveremo alcuni ottimi ristoranti. Qui sarà possibile inoltre usufruire del servizio  traghetti che ogni 20 minuti salpano verso l’isola di Visingsò, nel lago di Vattern, fino a tarda ora.

Traghetto per l’Isola Visingsò

Kalmar


Kalmar è una cittadina con poco più di 35.000 abitanti ed è situata nella regione dello Smaland, nel sudest svedese. Affacciata sul Mar Baltico di fronte all’isola Oland, è collegata a questa per mezzo del ponte Olandsbron. Questo ponte, di ben 6 km, è uno dei ponti più lunghi d’Europa. Simbolo della città è la bellissima e possente fortezza nei pressi dell’antico porto.


Granna e Kalmar. Ponte di Olandsbron, uno dei ponti più lunghi d'europa che collega Kalmar all'isola di Oland.
Kalmar – Ponte di Olandsbron

La Fortezza

La fortezza di Kalmar, che é conosciuta come Castello di Kalmar, è un possente sistema di difesa svedese del 1200, che è sempre stato coinvolto, direttamente o indirettamente, in tutte le vicende storiche svedesi fin dalla sua costruzione.

Granna e Kalmar. La fortezza o meglio il castello che sorge nei pressi del porto.
Il Castello di kalmar

Il suo ruolo più importante è stato nel 1397 quando, proprio in questo castello, fu proclamata l’Unione di Kalmar tra Danimarca, Svezia e Norvegia, voluta dalla Regina Margherita I di Danimarca.

Dopo danneggiamenti per  guerre e incendi, andato poi in rovina nel tempo, è stato oggi completamente restaurato e riportato quindi, per la gioia dei visitatori, al suo pieno splendore. Oggi all’interno del cortile d’ingresso vengono organizzate diverse manifestazioni, e le sue sale sono messe a disposizioni dei turisti per poter ammirare gli splendidi arredi, quadri e suppellettili, tavole apparecchiate, il tutto insomma per far capire meglio   come si svolgesse in quei tempi la vita all’interno del castello.


Attualmente è il castello rinascimentale meglio conservato in Svezia.


Cosa vedere a Kalmar

Rispetto a Granna,  Kalmar può offrire qualcosa di più al turista, essendo la più antica città marinara della Svezia.

La Stortorget è la piazza centrale, cuore della vita amministrativa, dove sorge al centro la Domkyrkan, la cattedrale barocca a pianta centrale, in stile romano. All’interno si trovano grandi stemmi barocchi ed il bellissimo pulpito di provenienza tedesca.

Granna e Kalmar. La Sortorget con al centro la Domkyrkan.
Stortorget – Domkyrkan

Nei pressi della Stortorget, si trova la Sodra Langgatan, la via più antica della città dove sorsero le prime case in pietra.

A est, all’angolo con la Stortorget, si trova il vecchio municipio, edificio in stile impero, oggi trasformato in albergo.

Granna e Kalmar. Vecchio municipio oggi trasformato in albergo.
Vecchio Municipio-Oggi Albergo

Granna e Kalmar – Aspetti comuni


Le due cittadine sono molto differenti tra di loro sotto tanti punti di vista, ma una cosa in comune pur tuttavia Granna e Kalmar ce l’hanno: lo stile costruttivo delle case, un inconfondibile aspetto tipico svedese.


Lungo la strada principale che attraversa il borgo di  Granna, possiamo apprezzare le vecchie case di legno del XIX secolo, mentre sulla collinetta che sovrasta il paese, in zona panoramica nei pressi della chiesa e del singolare cimitero, molto particolare  e ben curato, possiamo visitare un museo all’aperto costituito da vecchie costruzioni del XVII secolo, ancora regolarmente abitate, completamente in legno e perfettamente conservate come erano all’epoca.

A Kalmar questo aspetto, lo possiamo invece trovare nella Gamla Stan, ovvero la città vecchia, al  di là della ferrovia. Un quartiere costituito da vecchie case in legno variopinte, con i rispettivi giardini ben curati ed anche qui perfettamente conservate nel loro stile singolare che costituisce uno degli aspetti più fortemente caratteristici di questo Paese scandinavo che è la Svezia.


Granna e Kalmar – Conclusioni


Anche in queste zone possiamo trovare piatti tipici interessanti: le consuete Polpette svedesi, il Salmone ed il Roding, un tipo di Salmerino Svedese veramente eccezionale. Ottimi sono anche i Bruna Bodor, fagioli bruni perfetti per preparare il tradizionale Stufato Svedese. Il tutto annaffiato da ottima birra.

Granna e Kalmar. Piatto tipico svedese: Roding con patate cotte con la buccia.
Roding (Salmerino)

In Giugno le giornate sono molto lunghe, con sole anche oltre le 23,00 e non sarà completamente buio fino e oltre la mezzanotte. Per questo motivo, la seconda quindicina di Giugno sarà il momento più indicato per visitare queste zone. Questo è anche il periodo meno piovoso di tutto l’anno con tempo prevalentemente soleggiato.


Precedente Zywkowo - La Capitale delle Cicogne Successivo Pécs - Capitale Europea della Cultura 2010

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.