Ioannina – La città di Alì Pascià e Capoluogo dell’Epiro


Introduzione


Ioannina, perché?

Molte persone parlando della Grecia fanno il nome di luoghi come Skiatos, Santorini, Paros, Mikonos, Hydra, Corfù, Zante, e chi più ne ha più ne metta. Tutte bellissime isole immerse in un mare stupendo. Mete ormai ben conosciute, turisticamente abbastanza sfruttate e forse scontate.

Nei miei articoli sulla Grecia insisto sempre nel ricordare che questo Paese non è solo mare e isole, ma anche continente, e che continente! Esistono delle zone bellissime fuori dalle consuete mete turistiche che proprio queste possono aiutarci a conoscere ed apprezzare meglio la Grecia. Basta avere la curiosità e il desiderio di scoprirle.

A chi verrebbe in mente di passare due o tre giorni a Ioannina, nella regione dell’Epiro per visitare questa bella città orientaleggiante, in stile ottomano e magari poi spostarsi in qualche paese limitrofe tipo Metsovo?

Ioannina. Donna in abiti tradizionali a Metsovo
Metsovo – Donna con abiti popolari

Ebbene in questo articolo voglio parlare proprio di questa città e del suo territorio circostante.

Ioannina. Vista della città fuori dalle mura.
Ioannina

Ioannina – Come Arrivare


Giannina, come viene chiamata in Italiano, è un comune della Grecia situato nella periferia dell’Epiro, con circa 100.000 abitanti.

Arrivare in questa città non è difficile. Esiste un piccolo aeroporto collegato ad Atene con voli domestici.

Per chi ha la voglia e la possibilità di viaggiare in auto, consiglio di raggiungere la città attraverso la vecchia strada panoramica, la E90/E92. Non adatto ai deboli di stomaco, questo percorso è un susseguirsi di curve tortuose arrampicate su per le montagne dell’Epiro, attraverso paesini microscopici che sembrano costruiti nel nulla.

Ioannina. Vista sulla città dal lago Pamvotis.
Veduta di Ioannina dal lago Pamvotis

Dal porto di Igoumenitsa, Ioannina dista solo 80 chilometri.


Alì Pascià


Per capire la presenza di tutto questo stile ottomano ed apprendere meglio una  parte della storia di Ioannina, dobbiamo prima conoscere qualcosa su Ali Pascià.

Chi era Ali Pascià?-Era un politico e militare albanese. Dopo aver praticato per lungo tempo il brigantaggio contro gli Ottomani,  proprio da questi fu eletto Governatore di Ioannina.  

Ioannina. Quadro che rappresenta l'uccisione di Alì Pascià, con la consegna della testa al Sultano.
La testa di Alì Pascià offerta al Sultano

Riuscì ben presto a farsi signore di un regno semi-indipendente tra Grecia ed Albania. Entrato però in aperto conflitto con il sultano ottomano Mahmud II, venne da questi fatto eliminare insieme ai figli.


Ioannina – Cosa Vedere


Centro Storico

Bellissima cittadina lungo le rive del lago Pamvotis, non molto distante dal confine con l’Albania, il capoluogo dell’Epiro è meta ideale per un weekend all’insegna di arte, tradizione e cultura ellenica.

Ioannina. Vista della città dal lago Pamvotis.
Ioannina – Sullo sfondo la Moschea

Il suo centro storico, tutto racchiuso all’interno della cerchia muraria, è veramente particolare e interessante. Non esistono rilevanze architettoniche straordinarie, ma sarà bello passeggiare ed osservare le case in pietra, i palazzi ed i vari particolari anche architettonici, disseminati qua e là, molti dei quali ispirati completamente allo stile ottomano.

La parte però più interessante della città è il Castello. Questo costituisce un’intera città-roccaforte, una delle poche che si sono salvate in Grecia. Il suo aspetto odierno è opera di epoca ottomana ed incorpora precedenti costruzioni bizantine. Il tutto è suddiviso in due piccole cittadelle.

Nella parte settentrionale spicca la moschea di Aslan Pascià del 1618. Questo è uno dei migliori esempi di architettura religiosa islamica in Grecia, con decorazioni pittoriche e scultoree che colpiscono particolarmente.

Qui ha sede anche il Museo Bizantino e la tomba di Alì Pascià.

Ioannina. La Mosche di Aslan Pascià.
La Moschea di Aslan Pascià

Parte Moderna

Mentre il passato della città è tutto circoscritto sul Castello, Il presente invece è fuori le mura.

Fuori dalla cerchia muraria, Ioannina è scoppiettante e vivace di gioventù grazie anche alle presenza dell’Università che è la seconda per importanza in tutta la Grecia, dopo quella di Atene. Nella zona pedonale, sempre della parte moderna, sono racchiusi molti negozi, gran parte dei quali  artigianali. Ed è ancora qui che si trovano la maggior parte degli alberghi e ristoranti.


Lago Pamvotis

Un’escursione sul lago Pamvotis e nell’isoletta di Nissi, sarà sicuramente la parte più eccitante del nostro soggiorno a Ioannina.

Prendendo il battello, ormeggiato lungo la Leoforos Karamanli, raggiungiamo l’isola di Nissi, chiamata anche Isola di Ioannina. Appena sbarcati, intorno al piccolo porticciolo avremo l’imbarazzo della scelta, nel caso cercassimo un ristorante.

Un piatto molto diffuso nell’isola, sono i “Ranocchi Fritti”.

Ioannina. Isola di nessa appena fuori dal porticcioli di sbarco.
Isola di Nissi

All’interno di Nissi, potremo visitare la casa di Alì Pascià e i cinque monasteri, aperti per le visite dalle 9 alle 13. Una passeggiata poi tra le stradine ed i vicoli, tra case in pietra, completerà la visita..

Non dovremo però perderci anche una bella camminata tutt’intorno all’isola, partendo proprio dalla Casa di Alì Pascià e in senso orario tornando lentamente al porticciolo dove eravamo sbarcati.



I Dintorni di Ioannina

Per chi avesse ancora tempo da spendere, interessante sarebbe una gita a Metsovo, distante da Ioannina circa 50 chilometri.

Si tratta di un piccolo paese di montagna dove non è raro vedere ancora uomini e donne vestiti con vecchi abiti tradizionali. Si potrà visitare il piccolo, ma interessante museo di Arte Popolare ed acquistare alcuni prodotti tipici del luogo, come le marmellate ed altri prodotti dolciari locali.

Sempre da Ioannina si possono raggiungere agevolmente anche le Meteore e la regione della Zagoria.


Ioannina. Isola di Nissi.
Isola di Nissi

Per eventuali contatti inviare email al seguente indirizzo: [email protected]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.