Kalavryta – L’impressionante ferrovia a cremagliera, un’attrazione unica in Grecia.


Kalavryta. Veduta del paese con la sua piccola passeggiata.
Kalavryta – Scorcio del Paese

Introduzione


Ora qualcuno penserà: ma dove l’ha pescata questa località Alessandro?!…Ma cosa gli è venuto in mente?!

Kalavryta?!…Con tutte le famose località che esistono in Grecia e che tanti viaggiatori vorrebbero conoscere meglio, in effetti tirare fuori questo paese è un po’ strano.

Ma la Grecia non è solo mare e isole.

La Grecia è stupenda proprio perché ci offre anche queste località interessanti e piacevoli fuori dalle consuete mete turistiche.

Tutto nasce dalla mia passione per i treni.


Kalavryta – Motivazioni di viaggio


Un giorno, sfogliando una rivista, ho letto un articolo su questa impressionante linea ferroviaria in Grecia molto particolare,  esattamente Kalavryta-Diakoftò, che mi ha letteralmente incuriosito e di cui parlerò più avanti .


Questo articolo mi ha permesso di conoscere anche una piccola e bella località del Peloponneso che altrimenti mi sarebbe mancata.



In ritorno da Nauplia, ho raggiunto Kalavryta con la mia auto percorrendo una bellissima e panoramica strada di montagna. Ho attraversato foreste e gole molto verdi e fresche, nonostante l’estate in pieno agosto.


Kalavryta – Visita del Paese e Dintorni


Giunto a destinazione, ho scoperto una piccola città di montagna, ad un altezza di 720 slm, sul lato settentrionale del Peloponneso, circondata da uno splendido paesaggio.

Situata alle pendici del monte Helmos, il paese pur non avendo rilevanze storico-architettoniche di particolare interesse, ha però un piccolo centro molto carino con la sua bella passeggiata, ben tenuto e molto caratteristico. Tipicamente greca è la chiesa del paese.

Kalavryta. Chiesa del paese.
Kalavryta – Chiesa del Paese

Più interessanti sono invece i suoi dintorni che valgono veramente alcune escursioni.


A circa 10 chilometri da Kalavryta, troviamo Il Monastero di Megalo Spilià completamente scolpito nella roccia di una montagna. E’ il più antico tra i monasteri greci ed uno dei più imponenti santuari ortodossi.

Il Monastero di Megalo Spilià, in Italiano la Grande Grotta, ha preso il nome appunto dalla grotta in cui fu ritrovata l’icona della Madonna.

Kalavryta. Megalo Spilià o Mega Spilo, monastero della grotta.
Monastero di Megalo Spilià

Sempre nei pressi di Kalavryta, troviamo il Santuario di Agia Lavra, lo storico monastero dove ebbe inizio la prima rivoluzione greca del 1821, per la lotta all’indipendenza contro l’Impero Ottomano.

Il Monastero si trova sul monte Helmos a un’altitudine di 961 metri sopra il livello del mare, vicino alla città di Kalavryta.



Il Santuario è stato costruito nel 961 ed anche questo è uno dei più antichi monasteri ortodossi della Grecia. Oggi é considerato un simbolo della nascita della Grecia moderna.


Il Massacro di Kalavryta


Kalavryta è tristemente nota anche come luogo del massacro nazista contro i guerriglieri greci.

Il 13 Dicembre 1943, durante la seconda guerra mondiale, le forze di occupazione tedesche rasero al suolo il paese.

Il generale nazista Karl von Le Suire,  per rappresaglia all’uccisione di 81 soldati tedeschi , fece fucilare 696 cittadini.

Kalavryta. A memoria del massacro.

Le persone che sopravvissero alle ferite, furono solo tredici.

Un monumento situato a circa 1 chilometro dal centro, ne ricorda il terribile evento.

Nel 1991 il comune di Marzabotto si è gemellato con questo paese.


Linea ferroviaria Kalavryta-Diakoftò


Kalavryta è famosa per Odontotos , il servizio di ferrovia a cremagliera inaugurato nel 1896, che copre la rotta Kalavryta-Diakoftò di 22 km.

Kalavryta. Tratto scavato nella rocia della ferrovia Kalavryta-Diakoftò.

Il treno accompagna i passeggeri in un tour intorno alla gola di Vouraikos.

Il percorso è considerato uno dei più panoramici in Grecia. Il treno è diventato una delle caratteristiche della zona, in armonia con la natura circostante. La corsa termina alle coste del Golfo di Corinto, in località Diakoftò.



Quando cominciamo ad attraversare la gola di Vouraikos, il panorama diventa a dir poco impressionante.

Il treno, che viaggia su un binario a scartamento ridotto ed in alcuni punti con cremagliera, percorre tratti scavati nella roccia lungo precipizi incredibili. E’ veramente uno spettacolo e un’esperienza che deve assolutamente essere provata.

Pensate che data la pericolosità e la difficoltà del percorso, il treno impiega circa un’ora e mezza per percorrere poco più di venti chilometri.

Kalavryta. Tratto tra le roccie della ferrovia odontotos.

E’ opportuno prenotare il biglietto almeno il giorno prima, perché spesso il treno è preso letteralmente d’assalto.


Le carrozze sono climatizzate e molto comode.

Una volta raggiunto il capolinea a Diakoftò, si potrà spendere parte del tempo in questa località, consumando un buon pranzo a base di pesce in una delle trattorie sul mare.

In attesa di riprendere il treno, che ci riporterà a Kalavryta, potremo passeggiare nei dintorni della stazione ferroviaria tra i fitti agrumeti costituiti principalmente da limoni e aranci,



Anche questo mio articolo, come l’altro sulla Zagoria, vuole nuovamente ricordare che: “la Grecia non è solo mare e isole”.



Per eventuali contatti inviare email al seguente indirizzo: [email protected]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.