Porto Ercole – L’approdo di Caravaggio


Porto Ercole – Vista dalla Rocca Aldobrandesca

L’origine del nome di Porto Ercole pare sia dovuta ai Focesi, una popolazione della Grecia antica devota a Ercole.


Un po’ di Storia


La storia di Porto Ercole è una storia veramente molto antica…tanti sono stati i popoli che l’hanno conquistata ed abitata, a partire addirittura dai Fenici, gli Etruschi ed i Romani, per arrivare anche agli Spagnoli, la cui eredità è ben visibile nelle belle fortificazioni fatte costruire al tempo dello Stato dei Presidi, il piccolo ma importante stato fondato dagli Spagnoli nel 1557.

Palazzo del Governatore

Il palazzo, che si affaccia sulla singolare piazzetta di santa Barbara, costruito agli inizi del XVI secolo dalla Signoria di Siena, è denominato PALAZZO DEL GOVERNATORE proprio perché durante la dominazione spagnola qui risiedeva il Governatore del Presidio.

Ed è proprio in questo borgo che il 18 luglio del 1610, vi trovò la morte il Caravaggio, in fuga ormai da anni per i sui guai con la giustizia, a causa di un influenza intestinale trascurata ed inutilmente curata dalla confraternita locale.


Visita del Borgo


Dalla PIAZZETTA SANTA BARBARA, attraverso una serie di vicoli e scalinate, si sale al paese vecchio, vero e proprio dedalo di vicoli e viottoli che corrono in mezzo alle piccole e pittoresche case con i loro vecchi portoni.

Il Borgo  si è sviluppato tutto in altezza, su più piani che salgono dal Porto vecchio alla Rocca. Quando nel XV secolo la Repubblica di Siena comprò il Porto, innalzò le mura che ancora oggi cingono il borgo e di cui importante traccia è rimasto oggi il portale gotico sormontato da un campanile.

Continuando a salire, giunti quasi in cima alla scalinata che dal porto conduce alla Rocca Senese, incrociamo una piazzetta dallo stile spiccatamente spagnolo.

In questo piccolo luogo è stata eretta la CHIESA DI SANT’ERASMO, con una facciata in stile toscano molto semplice e dedicata al patrono del borgo. Al suo interno sono raccolte le tombe dei governanti spagnoli durante lo Stato dei Presidi.

Sul lato destro della chiesa, la scalinata continua a salire fino alla al nucleo più vecchio della ROCCA, proprio nel punto più alto del promontorio

Dopo la seconda guerra mondiale, la rocca venne definitivamente chiusa e venduta a privati che hanno in parte trasformato i fabbricati interni in residenze abitative.

Dall’alto del promontorio dove è situata la Rocca, il panorama è veramente superbo…arrivando perfino ad intravedere all’orizzonte l’isola del Giglio.


Forte Filippo


Scendiamo di nuovo attraverso il paese fino al porto vecchio, per una meritata sosta prima di salire nuovamente sull’altro promontorio per visitare ancora un’importante fortificazione: Forte Filippo.

Forte Filippo

Questa è una formidabile fortificazione voluta da Filippo II di Spagna ed edificata secondo le più avanzate tecniche militari dell’epoca, con profondi fossati, misteriosi sotterranei, garitte e il ponte levatoio, che danno ancora la sensazione di inespugnabilità del luogo.

L’attuale fortificazione, posta di fronte alla rocca spagnola dall’altro lato del porto ed entrambe a protezione del suo ingresso, venne costruita dall’allora famoso architetto militare Giovanni Camerini. Vista la sua posizione, con una visuale a 360°, in vetta ad un poggio impervio difficilmente raggiungibile, il complesso era ritenuto praticamente inespugnabile.

La Rocca Spagnola e le Mura viste dal Forte Filippo

Prodotti e Piatto del luogo

Non possiamo lasciare Porto Ercole, senza prima aver assaggiato il piatto tipico del Borgo: la tradizionale zuppa di sarde e patate e lo stocchetto alla portercolese con patate, pinoli e olive nere.

Il miglior souvenir da portarsi a casa è sicuramente una buona bottiglia di Ansonica, il vino bianco locale ottenuto dall’omonimo vitigno autoctono.


Video con Commento Audio


Per eventuali contatti inviare email al seguente indirizzo: [email protected]

Precedente Bobbio - Capoluogo della Val Trebbia Successivo Martina Franca - La Cittadina devota a San Martino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.