Budva – Regina della Movida Montenegrina

 

Cittadina balneare dall’aspetto magnificamente veneziano.

 

Vista sulla Città Vecchia

 

Questa splendida località del Montenegro ha visto crescere, negli ultimi anni, il suo turismo a dismisura. Oggi è diventata la principale località balneare della regione, preferita soprattutto dai giovani.

Anche se il livello di pub e discoteche non è paragonabile a quello Ibiza o Sunny Beach, i ragazzi sono attratti da questa città per i  suoi numerosi locali, per la movida e per i costi molto contenuti.

 

Ma Budva è in grado di attirare un ben più ampio genere di turisti. Infatti con le sue mura, il suo piccolo ma grazioso centro storico peraltro ricco di bei negozi, non per ultime le sue strutture, è in grado di accontentare quasi tutti. Possiamo dire che Budva attira sicuramente chi vuole passare l’estate al mare, non vuole rinunciare alle acque limpide e cristalline, si vuole divertire e vuol contenere i costi della vacanza.

 

Un po’ di Storia

La città è di antica origine greca. Secondo una leggenda fu fondata da Cadmo e Armonia che giunsero in questi luoghi alla ricerca della principessa Europa, rapita da Giove.

Divenne un insediamento romano e dopo la scissione dell’Impero si trovò al confine tra “Impero Romano d’Oriente” e “Impero Romano d’Occidente”. La città visse dunque un’esperienza storica particolare e straordinaria trovandosi al confine tra due mondi.

Dopo essere stata governata dai Serbi, nel Medioevo, nel 1442 fu conquistata dalla  Repubblica di Venezia che la fortificò per resistere all’avanzata turca.

I Veneziani la governarono per più di tre secoli, fino alla fine del XVIII secolo, quando Budva passò sotto il dominio degli Asburgo d’Austria. Questi la tennero fino al 1918, anno in cui la città entrò a far parte del regno di Yugoslavia.

 

ALBUM FOTOGRAFICO

 

Visita della città

La città vecchia, caratterizzata da un’architettura tipicamente mediterranea, è circondata da un sistema difensivo costituito da mura con torri, porte e bastioni del XV secolo. La lunga permanenza dei Veneziani nella città ha inevitabilmente influenzato anche lo stile architettonico dei palazzi, delle case e  delle chiese.

budva, montenegro, balcani
Mura Urbane

Le chiese più importanti del centro storico, sono quattro:

  • La Chiesa della Santissima Trinità, proprio di fronte alla cittadella;
  • La Chiesa di San Sava del XIV secolo;
  • La Chiesa della Santa Madre di Dio, fondata dai Benedettini nell’ 840;
  • La Chiesa Sant’Ivan, del VII secolo, con dipinti e icone di artisti veneziani.
budva, montenegro, balcani
Ingresso della Cittadella

La Cittadella è interessante, oltre che per la sua struttura e storia, anche per il panorama che ci offre sulla città, sul litorale, sull’Isola di San Nicola e sul resto del territorio circostante.

 

Le strette e tortuose  vie del centro storico,   si affacciano sulle piccole piazze ognuna con la propria chiesetta. Si snodano attraverso le abitazioni completamente in pietra, tra ristoranti, bar, gelaterie e negozi spesso molto singolari. Tutto questo conferisce al borgo  un aspetto veramente particolare e suggestivo.

 

Le Spiagge

Nei dintorni di Budva, si contano ben  17 spiagge tutte belle ed attrezzate, ma spesso anche un po’ troppo gremite. Quattro sono sicuramente le più famose:

  • Mogren, lunga 400 mt
  • La Spiaggia Slovena lunga 1600 mt
  • Becici, lunga 2000 mt, proclamata nel 1936 la spiaggia più bella d’Europa;
  • Jaz invece è una spiaggia di ciottoli e si trova a circa 2,5 km ad ovest di Budva. Si tratta di una spiaggia molto grande e molto attrezzata, ed è qui che viene organizzato il famoso Sea Dance Festival.

budva, balcani, montenegro

I Dintorni di Budva

A 15 km dalla città, troviamo Petrovac, importante centro turistico in stile spiccatamente veneziano e a circa 10 km la bellissima Sveti Stefan. Questo piccolo borgo immerso nel mare e una volta abitato da pescatori, è diventato oggi residenza di attori, uomini politici e personaggi di fama mondiale, tra i quali Willy Brandt, Helmut Khol, Claudia Schiffer, Silvestre Stallone, Sofia Loren e Klaus Kinski. Si può fare un’escursione all’interno del borgo solo accompagnati da guida (in lingua Inglese), due volte per mattina. E’ bene chiedere, appena arrivati, informazioni al chiosco nei pressi dell’ingresso, sugli orari ed il costo.

I Ristoranti…

…offrono una vasta gamma di menu in grado di accontentare tutti i palati. Ovviamente non mancano il pesce fresco, i frutti di mare e molto diffuso l’astice. Ma si possono gustare anche piatti di carne montenegrini e, per aumentare la varietà, anche il pollo in diverse ricette. I prezzi sono abbastanza contenuti, sicuramente molto più bassi di quelli italiani e comunque alla portata di tutte le tasche.

La Sera…scoppia la movida fino a tarda notte ed il divertimento è assicurato per tutti. Da non dimenticare infine il “Festival Budva città teatro”, durante il quale, in un mese e mezzo, nella città si organizzano numerosi spettacoli teatrali, folcloristici e concerti con la partecipazione di artisti internazionali.

budva, montenegro, balcani
Budva – La Movida notturna

Non dimenticate: A Budva, la mancanza di parcheggi è un problema cronico…organizzatevi subito per trovare un parcheggio a costi contenuti, dove poter lasciare l’auto più giorni…basta cercare, chiedere…e si trova.

 

                                                  Video con Commento Audio

Per eventuali contatti inviare email al seguente indirizzo: [email protected]




Precedente Frombork - La città di Niccolò Copernico Successivo Haarlem - Capoluogo dell'Olanda Settentrionale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.